Escursione a Corna Trentapassi e monte Vignole da Zone

Corna Trentapassi si trova sulla sponda est del lago d’Iseo, ha un’altezza di 1.248 metri e fa parte delle Prealpi Bresciane.
La vetta è un ottimo punto di osservazione del lago e di Monte Isola.
Durante la salita potrete ammirare anche l’imponente profilo del monte Guglielmo e alle vostre spalle Punta Almana. Raggiunta la vetta la vista potrà spaziare anche sulle cime del versante bergamasco del lago tra cui monte Bronzone e monte Creò.

Il percorso descritto di seguito è il più breve per raggiungere Corna Trentapassi e inizia da Zone. In alternativa, per avere un maggiore dislivello e una maggiore pendenza, si può salire da Vello attraverso un sentiero escursionistico oppure uno ancora più ripido indicato per escursionisti esperti. Queste soluzioni, così come un itinerario alternativo che vi porterà dapprima sul monte Vignole, sono descritti nella Sezione Varianti.

L’escursione a Corna Trentapassi si sviluppa lungo sentieri in ottime condizioni, in grado di offrire un panorama molto ampio e affascinante sul Lago d’Iseo.
Il percorso è di tipo escursionistico senza nessun tipo di pericolo e può essere affrontato anche da famiglie. Lo consiglio tuttavia solo a chi ha un discreto allenamento considerata la presenza di alcuni tratti piuttosto ripidi.
Durante l’escursione non incontrerete punti di ristoro per cui occorre partire ben equipaggiati.
Arrivare a Zone in macchina è molto semplice e comodo. Solo l’ultimo tratto del percorso presenta tornanti ma è su strada molto larga e non trafficata. Giunti in paese ci sono diversi parcheggi in cui lasciare la vettura.

LeMontagne.net è anche sui social: seguimi su:
YOUTUBE, FACEBOOK e INSTAGRAM.
Per essere aggiornato sulle nuove guide ISCRIVITI alla NEWSLETTER.

Itinerario per Corna Trentapassi

La partenza è a Zone, un comune a 680 metri di altezza.
Si seguono le indicazioni per Corna Trentapassi e si prende una mulattiera in ottime condizioni.

Il percorso più semplice per salire, indicato alle famiglie, sarebbe il sentiero 229. Se invece preferite un percorso più impegnativo che vi farà attraversare una piccola parte di cresta, vi consiglio, come riportato sulla mappa, di prendere il 229A.
Entrambi si ricongiungeranno al Forcellino di Zuf.
Superato il Forcellino, il sentiero prosegue completamente al sole verso la prima vetta: l’Anticima est Corna Trentapassi dove sorge una bellissima croce metallica. Da questa posizione vedrete chiaramente la vetta e l’anticima occidentale.

Percorrete l’ultimo ripido tratto di sentiero e arrivate in vetta Corna Trentapassi da cui si apre a sud una splendida vista su lago d’Iseo, Monte Isola e Monte Vignole.
Verso est potete ammirare il Monte Guglielmo.
A nord avrete la Val Camonica, la Presolana, l’Adamello e l’anticima occidentale della Corna Trentapassi che si può raggiungere soltanto attraverso una ferrata che sale dal paese di Toline.

Per il rientro percorrete a ritroso il sentiero che vi ha condotto in vetta passando nuovamente dall’anticima est.
Mentre scendete verso il Forcellino del Zuf lungo il sentiero dell’andata deviate a sinistra verso Cascina Coloreto lungo il sentiero 229 che vi accompagnerà fino a Zone.

corna trentapassi

Varianti al percorso

Variante 1 – Partenza da Vello

Partendo da Vello si ha il maggior dislivello possibile in quanto la partenza avviene a quota 200 metri invece che ai 680 metri del comune di Zone.
Lasciate la macchina al parcheggio che si trova dopo la galleria S. Rocco, vicino allo svincolo della strada statale. Ci sono due opzioni entrambe con un dislivello di 1.000 metri: il sentiero 263 di tipo EE lungo 3 km e il 265 di tipo E lungo 4 km.
Gli escursionisti esperti potrebbero salire in vetta dal 263 e scendere dal 265 così da esgeuire un anello.

Variante 2 – Giro ad anello con Monte Vignole

Partendo da Zone, come nel percorso principale, è possibile inserire una deviazione che vi porterà sulla vetta del monte Vignole prima di arrivare su Corna Trentapassi. In questo caso il percorso diventa di 6,8 km e 590 metri di dislivello.
Attenzione al tratto tra Monte Vignole e il raccordo con il sentiero principale che sale a Corna Trentapassi perché ci sono tratti in cresta per escursionisti esperti.

Salendo verso il monte Vignole avrete un’ottima vista su Punta Cunicolo che potrete raggiungere con una breve deviazione prendendo a sinistra al Forcellino del Gadol. Per andare su Monte Vignole si prende invece a destra raggiunto il Forcellino. Mentre salite inizierete a vedere alla spalle del Vignole anche Corna Trentapassi.

Eccovi in vetta al monte Vignole dove sorge una piccola croce in ferro. Continuate lungo la cresta facendo attenzione in alcuni passaggi. Di fronte a voi Corna Trentapassi. Giunti al Forcellino del Zuf vi congiungerete con il percorso principale descritto nell’articolo.

Clicca sulle immagini per lo zoom e poi l’icona in basso a sinistra per vederle fullscreen in 4K.